Mi sembra carino e utile a tutti condividere le nostre esperienze di vita che ci hanno portato a riunirci in questa radio dedicata a San Giuseppe ,padre puativo di Gesu' e custode della Santa famiglia....

Inizio io? :)

Nella mia  famiglia molti portano il nome  di Giuseppe ,uno zio, un cugino, il nonno e il suocero ed é gia un inizio...

.il 19 marzo ho dato svolta alla mia vita professionale e questo per me é un segno della protezione d San Giuseppe ...a cui affido ormai da anni le  nostre vite professionali mia e  di mio marito ...

di recente   ho fatto una  novena affinché San Giuseppe potesse intercedere e ottenermi la  grazia di risolvere un problema ai denti. Nessuno ,infatti,ricorrendo a San Giuseppe é rimasto deluso ...e cosi è stato anche per  me. Grazie San Giuseppe

Aspetto di leggervi...

Visualizzazioni: 172

Rispondi

Risposte a questa discussione

...e dici bene

Appena venuto alla luce, i miei genitori, mi hanno dato il nome di Giuseppe. È il nome che avevano entrambi i miei nonni. Son contento che il mio nome coincide con quello del mio amato custode e speciale protettore. Sin da bambino notavo quanto ci tenevano i miei nonni a festeggiare il loro onomastico, non erano molto praticanti, ma sicuramente conoscevano la grandezza di questo grande santo. Fino alla mia prima adolescenza, non ho mai avuto pensiero della devozione a s. Giuseppe. Avevo sempre in mente e nel cuore Maria e Gesù. Mi sono avvicinato a s. Giuseppe in un periodo di crisi della mia famiglia e anche di crisi mia personale e ad oggi la mia famiglia nonostante abbia avuto tanti problemi interni e fatalità esterne è in piedi, grazie a lui. Non sono stato costante nella devozione verso di lui. Ho attraversato diversi periodi in cui ho negato l'esistenza di Dio, riavvicinandomi e allontanandomi, mi sono dichiarato spesso ateo e ho rinnegato il Signore e la mia natura di figlio di Dio. L'ultimo fino a qualche mese fa. Quando sei nel peccato, nei momenti di silenzio, Dio ti parla nel cuore e mette la nostalgia di lui. Dio In alcuni casi si serve anche di un ricordo del passato. Un giorno mentre ero triste perche mi mancava l'amicizia di Gesù, ho ripreso il rosario in mano e nella preghiera pensavo se Gesù e Maria si fossero stancati. La tristezza, i dubbi e lo scoraggiamento sono durati molto. Nel giorno della festa dell'Angelo custode, ho chiesto a lui di darmi una mano per rinsaldare e riannodarmi al cielo e nel cuore ho sentito una voce che mi diceva e spingeva: "Vai da Giuseppe". Può essere una allucinazione, ma ad occhi aperti mentre mi rilassavo un pomeriggio tardi era come se guardavo nel buio san Giuseppe un po anziano che mi dava Gesù bambino dalle sue braccia. Ho avuto tanta pace nel cuore. Cosi ho nuovamente ripreso il mio cammino, questa volta aiutato da san Giuseppe, e ho capito che non bisogna mai lasciare la preghiera, perché è importante parlare ogni giorno con Dio e non bisogna mai dirsi giusti e convertiti arrivati. La conversione dura fino al nostro ultimo respiro su questa terra. Non basta andare in chiesa o essere prete o responsabile di un gruppo per salvarsi.
Ogni mercoledì visito una chiesa dove c'è l'immagine di san Giuseppe, accendo un cero come segno di fiducia e abbandono e sto con lui nella sua bottega a parlare di tutto insieme alla Madonna e con loro e ad adorare Gesù nel SS.mo. Lo sento sempre presente s. Giuseppe e davvero lui pensa e interviene su tutto, anche nelle cose pratiche di ogni giorno, come una riparazione in casa che non avrei saputo mai fare. Questa è la mia testimonianza che condivido con voi. Pregate per me e io lo faccio per voi ogni giorno alle 14.30 con radio san Giuseppe.

Mi permetto di modificare una citazione di san Monfort:

A Gesù per Maria e Giuseppe

San Giuseppe ci benedica.

Ciao Paolo, mi farebbe piacere avere linee guida da te, già più avanti, per iniziare anche io a studiare il nostro Santo.

Grazie per la testimonianza

PAOLO ANTOCI ha detto:

Grazie Silvia per la bella iniziativa di condivisione 'giosefina'. Grazie Radio San Giuseppe per la missione giosefologica.

Come ho conosciuto san Giuseppe? Parto dal dire che: se lo conosci, lo amerai di più; e viceversa: se lo ami, lo conoscerai di più. E' stata infatti la mia esperienza.

Sono nato e cresciuto in una parrocchia dove si venerava il santo patriarca. Ero contento della festa che ogni anno si celebrava in suo onore fino al punto che pian piano iniziò una piccola devozione personale. A un certo punto mi chiesi: 'Ma cosa sappiamo di san Giuseppe?', 'Se sono devoto di un santo è doveroso che io conosca la sua vita'; poi  quasi mi indisponevano i discorsi che sul santo non si sa niente....è l'uomo del silenzio! 

Così iniziai a leggere qualcosa dalla bibliotheca sanctorum, poi lessi la Redemptoris custos, poi mi abbonai alla SANTA CROCIATA e via via un crescendo di iniziative e di letture magisteriali. Quindi comprai i primi libri, poi venni a conoscenza del MOVIMENTO GIUSEPPINO, pian piano  mi abbonavo a riviste e iniziai ad avere contatti soprattutto con P. Tarcisio Stramare.

Ebbene conobbi un mondo giuseppino che era tenuto nascosto o che si conosceva malamente. Più venivo a conoscenza di questo santo, più lo amavo e continuo ad amarlo ogni giorno. Arrivo fino alla commozione quando contemplo un'immagine di san Giuseppe o leggo la bellezza della sua santità. Perchè ho scoperto che dopo Maria, c'è Giuseppe nel mistero di Cristo e della salvezza.

Così dalla devozione e dalla spiritualità giosefina passai allo studio giosefologico. E quanto avevo sperimentato e ricevuto da questa devozione l'ho voluto testimoniare facendomi zelatore del culto giuseppino. Quanto avevo studiato su san Giuseppe, dopo 10 anni iniziai a farlo conoscere a tutti, partendo proprio dai sacerdoti, i primi a volte che sconoscono il santo. Facendo capire che non siamo di fronte a un santo qualunque o un santo di serie B, ma siamo di fronte a un santo importante  nell'economia salvifica. E' il ministro della salvezza (RC 8).

Così ora tutto è diventata una missione per far conoscere sempre di più e meglio il nostro caro santo, non solo dal punto di vista devozionale o pietistico, ma soprattutto dal punto biblico-teologico, storico-salvifico.

“De Maria numquam satis, de Joseph nondum satis”, di Maria non si dice mai abbastanza, di Giuseppe non si parla ancora abbastanza!

L'ho conosciuto quando Antonio trasmetteva a Radio Maria e diffondeva la devozione alla sacra famiglia. Ricordo quegli anni come i più belli. Il giovedì non perdevo una trasmissione. C'erano tanti giovani che stavano avvicinandosi a S. Giuseppe. Ascoltando le sue trasmissioni imparai a farmi un'idea della grandezza di S. Giuseppe e della sua bontà. Scoprii la sua paternità, dolce e amabile. Cominciai ad affidarmi a lui con semplicità e da allora continuo a pregarlo ogni giorno. Grazie per questo sito, grazie per questa piccola radio. Grazie a te Silvia. Inoltre San Giuseppe mi ha ottenuto molte grazie, prima tra tutte quella della salute. Invito tutti a confidare in lui e ad avere fiducia nella sua potenza.

Ho imparato a conoscerlo con Radio San Giuseppe. Adesso mi rivolgo a lui tutti i giorni.

Carissimi, ho conosciuto San Giuseppe attraverso una religiosa Santa che lo onorava in modo straordinario sempre e, in modo particolarissimo al Mercoledi. Ricordo, ero una bambina, partecipavo con le ragazze dell'Azione Cattolica alla processione che Madre Lucilla Benedetti, Ancella della Carità, animava al Mercoledì con un bellissimo quadro di San Giuseppe mentre faceva cantare le litanie in suo onore. Seguivano poi le sette allegrezze del Santo e canti composti da lei stessa che eseguiva suonando l'harmonium. Con noi partecipavano anche intere famiglie con grande fervore. La Madre ci faceva pregare in modo speciale San Giuseppe per i lontani dal Signore e per i moribondi che lei seguiva poi visitandoli nel vicino ospedale di Bussolengo, Verona. Ho conosciuto due persone convertite attraverso il ricorso fiducioso al nostro grande Santo. La Madre era responsabile dell'Istituto San Giuseppe dove la maggioranza delle bambine e giovani che lo frequentavano erano orfane dei genitori. Lei le chiamava "i miei fiorellini" e le affidava alla protezione di questo Santo speciale. Cresciute, bel formate, sono diventate ottime madri di famiglia, alcune anche religiose, che a loro volta hanno diffuso la devozione a San Giuseppe nel loro ambiente. San Giuseppe ha avuto un ruolo particolare nella mia vita. Sono entrata nell'Istituto Ancelle della Carità di Brescia, nel giorno della sua festa. Ho emessi voti religiosi sempre nei giorni dedicati a San Giuseppe nel Mese di Marzo. Il 19 Marzo di ogni anno festeggio questa festa onorando il Santo in modo solenne e ottengo le sue grazie. A lui chiedo ogni giorno la grazia della perseveranza per me e per tutte le persone che lo amano. Ora chiedo assistenza per tutti gli ascoltatori della nostra Radio e per le loro famiglie. Auguro a tutti una Santa festa del nostro amabile Protettore.

Invito tutti gli amici della Radio a invocare con fervore il nostro caro San Giuseppe perché ascolta sempre e intercede presso il suo e nostro Gesù quanto chiediamo con fede. Rinnovo gli AUGURI a quanti portano il suo nome! Santa Festa!

Rispondi alla discussione

RSS

E' POSSIBILE ASCOLTARE I PROGRAMMI PRE-REGISTRATI DAL RADIO PLAYER E DAL MINI SITO PER CELLULARI.

Ascolta la radio

LA RADIO NON TRASMETTE PIU' MUSICA MA CONTENUTI DI SOLO PARLATO.

Forum

Festività di San Giuseppe

Iniziata da Silvia Bellomo in Titolo di esempio. Ultima risposta di Silvia Bellomo sabato. 4 Risposte

Come abbiamo conosciuto San Giuseppe

Iniziata da Silvia Bellomo in Titolo di esempio. Ultima risposta di Suor Paolisa Falconi 8 Mar. 19 Risposte

Devozione a San Giuseppe

Iniziata da Suor Paolisa Falconi in Titolo di esempio. Ultima risposta di Network Creator 20 Dic 2018. 12 Risposte

Pensieri

Iniziata da Marco Succi Leonelli in Titolo di esempio 19 Apr 2018. 0 Risposte

Tempo di quaresima

Iniziata da Silvia Bellomo in Titolo di esempio. Ultima risposta di Suor Paolisa Falconi 8 Mar 2018. 5 Risposte

La Sacra Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe

Iniziata da Network Creator in Titolo di esempio. Ultima risposta di Loretta Sció 10 Gen 2018. 1 Risposta

La gioia del Natale

Iniziata da Silvia Bellomo in Titolo di esempio 30 Dic 2017. 0 Risposte

Ci prepariamo al Santo Natale

Iniziata da Silvia Bellomo in Titolo di esempio 18 Dic 2017. 0 Risposte

Un uomo giovane e forte

Iniziata da Maria Teresa Pugliese in Titolo di esempio. Ultima risposta di Maria Teresa Pugliese 8 Dic 2017. 2 Risposte

La casa di Nazareth

"Avviciniamoci anche noi, con devozione filiale, come gente di casa, alla porta dell’umile bottega di Nazareth e ciascuno preghi Giuseppe: dammi una mano, un sostegno; proteggi anche me" (Beato Paolo VI).

Siti amici

Note

Pensieri spirituali

Per la vita che ti resta conviene dedicarti alla conoscenza di Gesù nostro Signore perché i misteri che egli operò con la sua passione sono sufficienti a placare qualunque tempesta di sfiducia che nasca nel tuo cuore.
San Giovanni d’Avila

Creata da Network Creator 3 Set 2018 at 7:02. Aggiornata l'ultima volta da Network Creator 3 Set 2018.

S. Giuseppe le venne in sogno

S. Francesca Cabrini Leggi…

Continua

Creata da Network Creator 29 Nov 2017 at 15:26. Aggiornata l'ultima volta da Network Creator 29 Nov 2017.

Onoriamo San Giuseppe

Onoriamo San Giuseppe, poiché lo stesso Figlio di Dio fu felice di onorarlo chiamandolo "padre". "Cristo", dice Origene, "diede a San Giuseppe l'onore dovuto a un genitore". Le Sacre Scritture parlano di lui come del padre di Gesù. "Suo padre e sua madre si…

Continua

Creata da Network Creator 22 Nov 2017 at 16:14. Aggiornata l'ultima volta da Network Creator 22 Nov 2017.

© 2019   Creato da Network Creator.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Politica sulla privacy  |  Termini del servizio