Radio San Giuseppe

Per conoscere e amare il più grande santo

XXIX DOMENICA TO-A - Sia lodato Gesù Cristo! Cari fratelli e sorelle, in effetti abbiamo un’anima sola ed è un’anima immortale, ed è un’anima creata direttamente da Dio, per la quale noi siamo esseri spirituali, fatti a sua immagine e somiglianza: “A immagine e somiglianza di Dio li creò” c’è scritto proprio nelle prime pagine della Bibbia.

L’uomo immagine di Dio: sarà questo, tra i tanti possibili, il tema della nostra riflessione, carissimi, tenendo presenti le letture appena ascoltate e in modo particolare il santo Vangelo.

Voi chiederete: “Ma dove sta questo tema nella Liturgia di oggi?”. Non è difficile scoprirlo, se stiamo bene attenti all’episodio particolare narrato dal Vangelo. I nemici di Gesù si avvicinarono a Lui per tendergli insidia con una domanda a trabocchetto: “E’ lecito o no pagare il tributo a Cesare?”. Dove stava il trabocchetto? Stava in ciò: Che se Gesù avesse semplicemente risposto: “Non è lecito pagare il tributo a Cesare, e cioè all’imperatore e dunque ai Romani, ai conquistatori, agli oppressori; non è lecito pagarlo”, i suoi nemici l’avrebbero accusato presso l’autorità costituita come un rivoluzionario e un disobbediente, e avrebbe passato guai. Se invece avesse risposto: “Sì, è lecito pagare il tributo all’imperatore e ai Romani”, allora lo avrebbero accusato ai connazionali, agli Ebrei: “Tu fai alleanza con il nemico, sei un traditore della patria”. Se non che Nostro Signore, che giustamente la sapeva più lunga – era Figlio di Dio! – quella volta come in tante altre circostanze se ne uscì bellamente, e li fece condannare con le loro stesse parole. “Portatemi una moneta”; poi chiese: “Di chi è l’immagine e l’iscrizione riprodotte in questa moneta?”. – Risposero: “Di Cesare!”. E allora Gesù concluse: “Date dunque a Cesare quello che è di Cesare – cioè, pagate il tributo giusto; poi però aggiunse una cosa che non gli era stata chiesta ma che per lui era la più importante – Ma date a Dio quello che è di Dio”, cosa che – sottinteso e tra parentesi – voi non fate: pensateci!”. Anche quell’altra volta alla domanda: “Qual è il primo e il massimo comandamento?”, Gesù rispose: “Ama Dio con tutto il cuore “, ma poi ugualmente fece una aggiunta non richiesta ma fondamentale: “E il secondo comandamento è simile: Ama il prossimo tuo come te stesso, cosa che voi non fate”, sempre sottinteso e tra parentesi. 
Insomma, Nostro Signore non si lasciava scappare occasione per rimproverare e insieme certo per correggere, per attirare, per convertire, per santificare tutti, anche i suoi oppositori, perché per questo egli era venuto, come Buon Pastore in cerca delle pecorelle smarrite.

Ecco dunque, nella risposta di Gesù, il tema a cui accennavo: l’uomo immagine di Dio. E’ come se Gesù avesse risposto: “Su questa moneta c’è l’immagine e l’iscrizione di Cesare, e voi dovete restituirla a Cesare, all’imperatore; ma su di voi, su ciascuno di voi, di noi, c’è l’immagine e l’iscrizione di Dio, non scordatelo. E allora: Date anche a Dio quello che è suo, quello che gli appartiene!”. Ecco: L’uomo immagine di Dio, per essere perfetto, per essere veramente e non apparentemente giusto e santo, per realizzare il suo scopo, per essere felici e sereno di qua e poi eternamente di là, deve dare a Dio quello che è suo, deve donarsi liberamente a Dio, dato che gli appartiene, dato che su di lui, sulla propria esistenza, sul proprio essere c’è stampata l’immagine e l’iscrizione del Signore Dio Onnipotente e Creatore. 

Questa verità la troviamo ad ogni pagina della Sacra Scrittura, sin dall’inizio, come già vi ho ricordato: “Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza”. A completamento e a coronamento di tutto il creato, Dio disse: “Adesso facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza”, e con quanta cura e con quanta attenzione, con quanto amore lo creò. Plasmò del fango e poi gli soffiò dentro, “e l’uomo divenne essere vivente”: così c’è scritto nella Bibbia, parole che vogliono appunto significare che l’uomo è stato fatto da Dio, a sua immagine. 
Dunque: nobile e divina è la nostra origine; nobile e divina è la nostra natura. Siamo infinitamente piccoli – potremmo dire – di fronte all’universo, di fronte ai monti, ai mari, alle galassie, alle stelle, di fronte al tutto. Se ci guardiamo attorno, ci sentiamo veramente minuscoli, insignificanti: un granello di sabbia! Che cos’è l’uomo, questo piccolo uomo sul pianeta chiamato terra?! Meno che nulla, tutto sommato! Eppure, dice il Salmo, “Tu, o Dio, lo hai fatto poco meno degli angeli!”. L’uomo è così piccolo di fronte al tutto, eppure è più grande di tutto. E’ più grande delle stelle, delle galassie, dei pianeti, dei mari e dei monti proprio perché l’uomo è fatto a immagine e somiglianza di Dio come nessun’altra creatura e nessun altro essere.

Divina è l’origine dell’uomo, divina è la sua natura, e divino è anche il suo destino, cioè lo scopo a cui l’uomo deve tendere, il suo fine, il porto a cui approdare. Infatti, mentre le piante, e gli animali, e le stelle e tutte le altre cose materiali nascono, crescono e muoiono, e poi finiscono nel nulla, per l’uomo invece non è così. Per lui non tutto finisce con la morte e con la tomba, ma anzi – come la fede ci assicura – tutto comincia. C’è una vita eterna dopo la morte, una vita eterna di condanna o di ricompensa, come Nostro Signore ci ha insegnato in tanti e tali modi, e come ci viene riportato dal santo Vangelo. Noi siamo stati creati per la ricompensa eterna, per vivere eternamente nella famiglia di Dio Trinità, Padre Figlio e Spirito Santo, con tutti gli angeli e i santi, per sempre, nei secoli dei secoli. Sappiamo che non avremo mai più fine, dal momento in cui siamo stati concepiti e siamo nati. Saremo eterni come Dio. L’uomo è stato creato per “conoscere e amare e servire via in questa vita, e per poi goderlo nell’altra vita in Paradiso” insegna il Catechismo. Nella Colletta della Messa odierna il sacerdote ha pregato così: “Dio onnipotente ed eterno, crea in noi un cuore generoso e fedele, perché possiamo sempre servirti con lealtà e purezza di spirito”.

Ecco le cose più semplici che è possibile dire, ma insieme le più fondamentali e le più importanti, perché se un uomo, per quanto nobile, ricco e scienziato egli sia, se un uomo non sa queste cose – ossia chi è, che fa, che deve fare e dove deve arrivare -, allora che cosa in realtà sa questo uomo?! … Nulla, meno che nulla! E’ un miserabile, nient’altro che un miserabile! Ma noi, carissimi, queste cose le crediamo con tutta l’anima, e vogliamo metterle in pratica con la buona volontà e con l’aiuto di Dio, di giorno in giorno.

Allora: siamo immagine di Dio, creati da lui. Siamo divini per natura e siamo divini per destino perché il nostro destino è il santo Paradiso. E allora, in conclusione? In conclusione resta valida la risposta odierna di Nostro Signore Gesù Cristo: Poiché siete immagine di Dio, “date a Dio quello che è di Dio”. Noi ci preoccupiamo tanto, e giustamente, di dare a Cesare quello che è di Cesare. Voglio dire che ci impegniamo, e ci affanniamo per le cose di questo mondo, la politica, l’economia, la società, le case … Insomma, tutto ciò di cui è costituita la nostra esistenza e la nostra storia. Però, tutto ciò non è il più importante, anzi tutto ciò è assai secondario e transitorio. Alla fine che cosa resta?! … Né i soldi e né le case! … Ma “date a Dio quello che è di Dio!”. Tu, o uomo, immagine di Dio, ritorna a Colui che ti ha creato! Ecco il compito che deve svolgere l’uomo nei brevi giorni della sua vita mortale. Il poeta Dante Alighieri ha scritto: “Considerate, o uomini, la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti – come bestie, animali – ma per seguir virtute e conoscenza”. Dunque: per perfezionarci di giorno in giorno nella conoscenza e nella pratica delle virtù.

Siamo nati e siamo stati creati a immagine di Dio e per raggiungere Dio e per goderlo per tutta l’eternità, ma … ma questo potrebbe anche non verificarsi: che triste destino sarebbe allora! … Ecco perché Gesù ammonisce: “Date a Dio quello che è di Dio!”. Questa immagine divina che portiamo in noi può essere distrutta dal peccato mortale e può essere sfigurata dal peccato veniale. E possiamo vivere così sfigurati e distrutti come figli di Dio. E se moriamo in questo stato di peccato mortale, ci sarà per noi non il premio ma la condanna eterna. Ecco perché Nostro Signore ammonisce quella gente di allora e tutti quanti noi: “Voi vi preoccupate tanto del tributo a Cesare e di questa moneta, ma non vi preoccupate di voi, del vostro destino?! … di quello che siete e di quello che fate?! … Pensate che, vivendo nel peccato, nel vostro egoismo, nella vostra incredulità – adesso state peccando ancora una volta, tendendomi con cattiveria un trabocchetto – voi rischiate di perdervi eternamente. Avete compreso? Allora, date a Dio quello che è di Dio!”. Facciamo nostro il versetto dell’Alleluia di oggi: “Risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita”. E così sia!

Padre Michele Iorio

Visualizzazioni: 8

Commento

Devi essere membro di Radio San Giuseppe per aggiungere commenti!

Partecipa a Radio San Giuseppe

Compleanni

Oggi non vi sono compleanni

ASCOLTA

Sostieni Radio San Giuseppe

Sostieni anche tu Radio San Giuseppe con un'offerta libera. E' l'unico modo per garantire la continuità delle nostre trasmissioni. La nostra emittente non ha introiti pubblicitari e può vivere solo con l’aiuto degli ascoltatori. Puoi aiutarci tramite il bollettino di conto corrente postale n.1023992538 intestato ad: "Associazione Radio San Giuseppe". Tramite Paypal o carta di credito cliccando sul pulsate "Donazione" presente sul sito ufficiale della radio. Tramite un bonifico bancario con versamento intestato ad Associazione Radio San Giuseppe  - IBAN: IT-75-S-07601-13000-001023992538. Se ti è possibile fai una donazione mensile.

UNITI AL PAPA

"Vorrei dirvi una cosa molto personale. Io amo molto San Giuseppe". 

Note

Abiterò nella casa del Signore

Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare ad acque tranquille mi conduce. Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome. Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me.Il tuo bastone e il tuo vincastro mi…

Continua

Creata da Radio San Giuseppe 7 Nov 2017 at 17:58. Aggiornata l'ultima volta da Radio San Giuseppe 7 Nov.

Ascolta la radio con altri lettori.

Player esterno

Player interno

Player computer

Ascoltaci dal telefono

Ecco i link per scaricare l'applicazione della radio direttamente sul vostro cellulare:

IPHONE

ANDROID (Samsung)

Applicazione

Segnaliamo questa bella ed utile applicazione del Sacro Manto di San Giuseppe per tutti i dispositivi Android (cellulari e tablet).

Scarica da Google Play

Licenza SIAE 5088/I/3451 - Licenza SCF 104/13 

© 2017   Creato da Creatore del Network.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio